La richiesta di nuovi ingredienti cosmetici di derivazione biologica provenienti dall’ambiente naturale è in forte crescita, soprattutto se di origine vegetale.
Anche l’ambiente marino è stato individuato come ricca fonte di ingredienti cosmetici. Infatti sono numerose le molecole di origine marina promettenti nel trattamento cosmetico che hanno dimostrato efficaci attività dermatologiche antiossidanti, antiage e idratanti.
Nonostante questa premessa, lo sfruttamento dell’ambiente marino dovrebbe essere affrontato con cautela, considerando la sostenibilità di tutte le potenziali risorse marine.

Segue un estratto dell’articolo
The promise of marine molecules as cosmetic active ingredients. E. G. Brunt and J. G. Burgess. International Journal of Cosmetic Science. 2018.

 

Una grande varietà di molecole di macroalghe marine, inclusi carotenoidi ed estratti polifenolici, ha generato attenzione per le diverse azioni cosmetiche. Le loro proprietà antiossidanti, anti-melanogeniche e anti-invecchiamento possono trovare ampia applicazione in ambito cosmetico. Questo, unito alla facile produzione e mantenimento di macroalghe, rappresenta una fonte emozionante e praticabile di scoperta cosmetica. I pesci marini hanno ricevuto meno attenzione come fonte di ingredienti cosmetici, ma sono fonte di molecole che promettono applicazioni come antiossidanti, composti idratanti e anti-invecchiamento.
Diverse specie di pesci hanno mostrato un alto contenuto di acidi grassi essenziali come ingredienti idratanti. Inoltre, le elevate rese di estrazione di collagene da pesci marini e altri organismi marini hanno fornito una base per la facile produzione e applicazione di collagene di origine marina.
Altri prodotti marini, che includono un enzima anti-invecchiamento proveniente da uova di salmone e composti ottenuti da batteri estremofili, hanno proprietà idratanti e anti-invecchiamento che competono non solo con gli attuali ingredienti idratanti, ma anche con molecole prodotte dalla pelle per mantenere l’idratazione. Allo stesso modo, gli alofiti che vivono in ambienti salini estremi sono stati recentemente riconosciuti come fonte di inibitori della tirosinasi e molecole antiossidanti.

Molecole fotoprotettive

Una maggiore consapevolezza degli effetti dannosi delle radiazioni ultraviolette (UVR) ha generato una maggiore domanda di prodotti fotoprotettivi. È noto che l’esposizione cronica ai raggi UV provoca tumori della pelle, fotoinvecchiamento e scottature solari. I raggi UVA e UVB possono danneggiare il DNA delle cellule della pelle, aumentando il rischio di tumori cutanei attraverso mutazioni genetiche e immunosoppressione. Sebbene il modo migliore per evitare danni UV sia evitare la luce solare, ciò non è sempre fattibile. L’uso frequente di protettori UV antiossidanti è essenziale per ridurre i danni alla pelle; in caso contrario, esistono trattamenti per combattere i conseguenti problemi della pelle associati a un’eccessiva esposizione ai raggi UV. Il termine “antiossidante” comprende una vasta gamma di molecole con diverse attività, tra cui la fotoprotezione e lo scavenging/immobilizzazione di specie reattive dell’ossigeno (ROS), prevenendo così il danno ossidativo ai componenti cellulari. Con l’invecchiamento del corpo, la capacità di regolare i ROS diminuisce, mentre aumenta la produzione di ROS mitocondriali, il che significa che i tessuti sono più sensibili allo stress ossidativo con l’età.
Esistono numerosi antiossidanti nelle industrie farmaceutiche, cosmetiche e alimentari, incluso il marino esopolisaccaridico (EPS) che è stato isolato dal batterio marino di acque profonde Alteromonas macleodii e da un polichete di sfiato idrotermale Alvinella pompejana. Sono stati trovati due oligosaccaridi all’interno dell’EPS per proteggere i cheratinociti epidermici e le cellule di Langerhans dai mediatori infiammatori, tra cui gli UVR. Questa scoperta mette in luce la grande complessità chimica che esiste nell’ambiente marino, con i batteri estremofili che offrono una base per la scoperta futura di nuove molecole cosmetiche con nuove strutture e funzioni. Diverse altre molecole marine, tra cui aminoacidi simili a micosporine, carotenoidi e polifenoli, hanno anche mostrato attività antiossidante.

Molecole antipigmentazione

L’iperpigmentazione è un sintomo comune dell’invecchiamento e dell’esposizione cronica ai raggi ultravioletti (UV), che spesso si presenta come macchie anormali della pelle, in particolare nelle aree frequentemente esposte al sole. La produzione di melanina avviene nei melanociti dell’epidermide attraverso una serie di reazioni di ossidazione, catalizzate dall’enzima tirosinasi.
Gli inibitori della tirosinasi polifenolici derivati ​​da alghe e piante marine hanno mostrato un moderato successo. Fluorotannini da Sargassum polycystum hanno mostrato potenti effetti anti-melanogenesi/sbiancamento della pelle. Il fluorotannino dieckol, estratto da E. stolonifera, ha mostrato un’attività anti-tirosinasi tre volte quella di acido cogico. Recentemente, altre piante marine e i loro composti polifenolici sono stati identificati come potenziali inibitori della tirosinasi dai test condotti su cellule umane. Inoltre è stato dimostrato che gli estratti fenolici di 50 alghe marine inibiscono l’attività della tirosinasi dei melanociti epidermici umani. Il più efficace inibitore della tirosinasi rilevato è stato il 7-solfato di flavonoide solfato, isolato dall’erba marina Phyllospadix iwatensis, che ha mostrato un’inibizione fino al 100% maggiore rispetto all’arbutina inibitore commerciale, oltre alla bassa citotossicità. È stato riferito che i composti che possiedono uno scheletro di resorcinolo 4- sostituito presentano una grande inibizione della tirosinasi poiché questa regione compete per l’inibizione del DL-DOPA, portando a una riduzione della produzione di melanina. Ciò evidenzia una promettente ricerca anti-melanogenesi, in cui diversi polifenoli e flavonoidi stanno emergendo come nuovi ingredienti cosmetici e farmaceutici, ma principalmente come antiossidanti e fotoprotettivi.
Il fucoidano, anch’esso un metabolita secondario delle feofite, è stato documentato come un potenziale trattamento anti-pigmento, con evidenze per il suo meccanismo di inibizione indiretta della melanogenesi, ma non è ancora stato perseguito come ingrediente cosmetico. E’ stato confermato che tale molecola derivante dalla feofita Fucus vesiculosus ha downregolato la sintesi di melanina attraverso l’attivazione della via della chinasi extracellulare correlata al segnale (ERK), che ha dimostrato di causare il degrado del fattore di trascrizione associato alla microftalmia che è coinvolto nella produzione di melanina. I test in vitro sono stati condotti su cellule non umane; pertanto, l’effetto del fucoidano come trattamento antipigmentazione deve ancora essere determinato negli studi sull’uomo. Sebbene sia stato esplorato il trattamento cosmetico dell’iperpigmentazione usando molecole marine, i dati sono preliminari.