Molecole di origine marina hanno dimostrato efficaci attività dermatologiche.
Oltre ad essere utili per l’effetto fotoprotettivo e antidepigmentante, risultano essere utili anche nel trattamento antiage e idratante.

Segue un estratto dell’articolo
The promise of marine molecules as cosmetic active ingredients. E. G. Brunt and J. G. Burgess. International Journal of Cosmetic Science. 2018

 

Molecole antiage

Con l’aspettativa di vita sempre più crescente in diversi paesi del mondo, l’ invecchiamento dell’aspetto fisico sta diventando un problema cosmetico sempre più comune. L’invecchiamento è generalmente associato alla formazione di rughe, lassità cutanea e iperpigmentazione e può essere comunemente classificato come danno a lungo termine dovuto a vari fattori di stress. I danni alle proteine ​​cellulari cutanee, responsabili della sintesi dei componenti strutturali, possono portare alla propagazione di queste caratteristiche associate all’invecchiamento. Considerando che gli antiossidanti possono ritardare la comparsa dell’invecchiamento, esistono anche altri trattamenti per ridurre i sintomi della pelle invecchiata, ad esempio la riduzione delle rughe, l’aumento dell’idratazione cutanea e del rifornimento di collagene. Nel caso di invecchiamento cronologico le cause posso essere il rallentamento dei processi cellulari e dalla conseguente progressiva perdita di molecole chiave della matrice cutanea come collagene e acido ialuronico.

È interessante notare che l’uso di collagene da fonti marine nei prodotti cosmetici è in aumento. Grandi quantità di collagene sono state estratte dalla biomassa marina e gli studi di biocompatibilità hanno dimostrato che il collagene marino presenta una citotossicità inferiore e una maggiore vitalità cellulare rispetto al collagene bovino. Sebbene non sia direttamente collegato alle applicazioni cosmetiche, questa dimostrata biocompatibilità suggerisce che le applicazioni cosmetiche del collagene marino probabilmente cresceranno in futuro.
I dati scientifici disponibili sugli effetti topici anti-invecchiamento del collagene sono trascurabili, il che è sorprendente se si considera la sua diffusa applicazione in numerosi prodotti. Pertanto, l’obiettivo della futura ricerca cosmetica sul collagene dovrebbe basarsi sulla comprensione dei suoi meccanismi come ingrediente anti-invecchiamento.
In alternativa, l’inibizione degli enzimi degradativi, collagenasi ed elastasi, può contrastare il processo di invecchiamento. Ciò è stato dimostrato con successo usando diversi estratti di piante terrestri, ma le fonti marine hanno ricevuto meno attenzione.
Recentemente, il polisaccaride fucoidano solfatato è stato ottenuto dalla feofita Undaria pinnatifida e ha dimostrato di inibire la collagenasi batterica e l’elastasi neutrofila umana in vitro. Inoltre, un estratto polifenolico, contenente fucoidano dalla feofita Fucus vesiculosus, ha mostrato una significativa inibizione dell’elastasi in vitro. Ulteriori test in vitro hanno mostrato che entrambi gli estratti hanno sovraregolato la proteina SIRT1, il che fa apparire la pelle più giovane catalizzando la scomposizione di zuccheri e lipidi. Nonostante questo successo, è stato notato che questi risultati potrebbero non rappresentare i veri effetti ottenuti negli studi clinici, i cui risultati iniziali erano meno significativi in ​​vivo.

Un nuovo enzima isolato dalle uova del salmone dell’Atlantico, il Salmo salar, è stato esplorato come ingrediente per il ringiovanimento della pelle/anti-invecchiamento. L’endoproteasi serina (chiamata zonase) viene utilizzata per scomporre il guscio d’uovo durante la schiusa, lasciando intatto l’embrione. Si è anche dimostrato in grado di esfoliare enzimaticamente i cheratinociti morti mentre stimola la crescita di nuove cellule della pelle. E’ stato dimostrato che l’applicazione topica dell’estratto di uovo di S. salar ha favorisce la riduzione delle rughe, l’eritema, persino la pigmentazione e il miglioramento dell’idratazione cutanea, senza effetti collaterali negativi. L’estratto contiene acidi grassi insaturi, proteine, DNA, RNA, vitamine e minerali. È stato ipotizzato che gli acidi grassi (ad esempio acido oleico e acido linoleico) aumentassero l’assorbimento transdermico, permettendo agli ingredienti attivi di penetrare nel derma. L’attività antirughe è stato l’effetto più potente osservato ed è stato ipotizzato un effetto simile a vitamina A, aminoacidi, zinco e rame, che aiutano a mantenere l’elasticità della pelle e la struttura della matrice extracellulare, riducendo successivamente le rughe formazione e lassità. L’enzima zonasi dell’estratto di uovo di S. salar è disponibile in diversi prodotti cosmetici grazie ai suoi efficaci meccanismi anti-invecchiamento e al semplice recupero come prodotto di scarto dell’industria di trasformazione delle uova di salmone.
Le macroalghe sono anche una fonte ricca e sostenibile di aminoacidi e peptidi, di cui è stato dimostrato che alcuni peptidi clorofiti proteggono le riserve di collagene e ne migliorano la sintesi. È stato segnalato che un tripeptide contenente una sequenza di acido arginina-glicina-aspartico, proveniente dal clorofita Ulva lactuca, stimola la sintesi di collagene nei fibroblasti umani. Inoltre, è stato dimostrato che i peptidi di Chlorella vulgaris riducono l’espressione della matrice metallo-proteinasi-1 (MMP-1) nei fibroblasti delle cellule della pelle umana, responsabili della degradazione del collagene. Allo stesso modo, è stato riportato che U. pertusa idrolizzata stimola la sintesi di collagene di tipo I nelle cellule di fibroblasti umani attraverso l’inibizione di MMP-1.
I clorofiti possono quindi rappresentare una nuova fonte di composti chimici con potenziali effetti anti-invecchiamento, sebbene si noti che questi dati sono preliminari.

Altre molecole estratte da alghe hanno ricevuto attenzione come potenziali principi attivi anti-invecchiamento.
L’astaxantina (ASX), ad esempio, appartiene a una classe di carotenoidi presenti in alcune specie di microalghe ed è presente in alcuni integratori orali come antiossidante. Oltre alle sue attività antiossidanti, è stato segnalato che ha azioni anti-invecchiamento in entrambe le amministrazioni orali e topiche. Tuttavia, ciò non è stato finora studiato in modo sostanziale e la maggior parte della letteratura disponibile è limitata a un gruppo di ricerca. L’ASX della microalga marina Haemato-coccus pluvialis ha dimostrato di penetrare sia nel derma che nell’epidermide negli studi murini, portando a una diminuzione della perdita d’acqua transepidermica e un miglioramento visivo dell’aspetto delle rughe, paragonabile a controlli non trattati.
La somministrazione orale e topica di ASX ha mostrato significativi miglioramenti visivi nell’aspetto di rughe della pelle, elasticità, macchie dell’età e aumento dell’idratazione cutanea negli studi clinici . Sebbene il meccanismo d’azione non sia stato chiarito nelle applicazioni umane, si suggerisce che la soppressione dell’MMP-13 nei topi provoca l’inizializzazione delle caratteristiche anti-invecchiamento, dove l’MMP-13 nei topi è analogo a MMP-1 nell’uomo. Gli aumenti osservati del contenuto di acqua della pelle suggeriscono che ASX può avere applicazioni nelle creme idratanti per la pelle secca e nelle formule anti-invecchiamento.