Funzione barriera e ruolo delle ceramidi

 

Barriera epidermica e ceramidi

Il ruolo dello strato corneo, nella pelle sana e malata, ha ricevuto maggiore attenzione nella letteratura negli ultimi dieci anni. Lo strato corneo serve come componente predominante della funzione di barriera epidermica ed è molto attivo nel mantenimento dell’omeostasi rispondendo a molte esposizioni esogene. Oltre a fungere da barriera permeabile e mantenere l’idratazione della pelle, lo strato corneo offre altre funzioni di barriera fisiologica, come rilevare l’invasione microbica, rispondere immunologicamente per evitare vari stimoli, prevenire danni ossidativi e mitigare gli effetti dell’esposizione alla luce ultravioletta (UV).
La struttura dello strato corneo è stata tradizionalmente definita un modello di “mattoni e malta”. Mentre i corneociti rappresentano i mattoni, i lipidi intercellulari rappresentano la malta. I precursori lipidici intracellulari sono sequestrati in corpi lamellari all’interno di cheratinociti a strato granulare ed elaborati nei lipidi che vengono quindi incorporati nel doppio strato lipidico. Questa membrana lipidica lamellare organizzata è composta da un rapporto fisiologico di ceramidi (40-50%), colesterolo (25% ) e acidi grassi liberi (10-15%). Le ceramidi sono lipidi naturali della pelle che comprendono un acido grasso e una base di sfingosina; esistono più di 10 diverse frazioni di ceramide.

Lo strato corneo correttamente funzionante è essenziale per una pelle sana, poiché mantiene l’idratazione epidermica e funge da barriera che risponde a stress ambientali, infezioni, irritanti e allergeni. Una barriera epidermica difettosa è un fattore chiave che contribuisce a molte malattie della pelle, compresi i disturbi eczematosi, psoriasi, acne e rosacea. La compromissione della barriera può essere il risultato di fattori endogeni geneticamente predisposti (cioè malattie della pelle sottostanti come dermatite atopica e ittiosi) o di fattori esogeni, come prodotti per la cura personale impropri, estremi climatici o contatto con sostanze irritanti e / o allergeni.

L’importanza della funzione barriera nei disturbi dermatologici

La compromissione della barriera epidermica è stata a lungo al centro della patogenesi della dermatite atopica e i dati recenti suggeriscono la sua importanza in altre condizioni della pelle tra cui l’acne vulgaris e la rosacea. Oltre ai farmaci da prescrizione, idratanti terapeutici e detergenti devono essere adeguatamente selezionati per mantenere l’integrità funzionale e strutturale della pelle.

Nella dermatite atopica i pazienti presentano alterazioni della sintesi lipidica con diminuzione delle quantità di lipidi fisiologici e prevalenza della carenza di ceramide. Ciò è presente non solo nella pelle lesionata, ma anche nella pelle clinicamente non interessata, con conseguente disfunzione innata della barriera epidermica nella pelle atopica. Una “malta” anormale all’interno dello strato corneo provoca una aumento della perdita di acqua transepidermica (TEWL) e compromissione della funzione di barriera epidermica. Questa disfunzione dello strato corneo induce infiammazione reattiva come meccanismo di autoriparazione, con esposizione a sostanze irritanti ambientali, allergeni e microbi con conseguente ulteriore infiammazione cutanea. Le ceramidi hanno dimostrato effetto benefico sulla dermatite indotta da detergenti, sia per il trattamento della pelle danneggiata sia nell’utilizzo preventivo prima del contatto dimostrando efficacia protettiva.

L’acne vulgaris è considerata una malattia infiammatoria derivante da ipercheratosi follicolare, produzione di sebo e proliferazione follicolare di Propionibacterium acnes. Le anomalie della barriera epidermica svolgono un ruolo importante, infatti la pelle dei pazienti con acne vulgaris ha dimostrato di essere associata a carenza di ceramidi. La permeabilità della barriera cutanea è teorizzata per contribuire all’ipercheratosi follicolare, promuovendo la formazione di comedoni. Inoltre, molti farmaci topici per l’acne causano irritazione cutanea, compromettendo ulteriormente la funzione di barriera durante il trattamento.

La rosacea è caratterizzata da alterazione e iperattività del sistema immunitario della pelle del viso, disregolazione neurovascolare, proliferazione vascolare superficiale e disfunzione della barriera epidermica. I difetti della barriera svolgono un ruolo chiave nell’aridità e nella sensibilità dei pazienti con rosacea. In effetti, i pazienti con rosacea eritrotelangiectatica (ETR) mostrano livelli di TEWL aumentati sia nella cute del viso clinicamente colpita che clinicamente normale. Inoltre, la disfunzione della barriera epidermica nella rosacea è accompagnata da intolleranza a molti prodotti per la cura personale. Poiché molti prodotti per la cura della pelle possono aggravare la rosacea, la selezione di detergenti delicati e idratanti che riparano e mantengono l’integrità della barriera epidermica è estremamente importante.

Ceramidi nei prodotti cosmetici

La nuova generazione di creme idratanti contiene ingredienti di riparazione barriera oltre ai componenti idratanti tradizionali. Il più comune di tali ingredienti sono le ceramidi, che aiutano a sostituire i lipidi carenti in alcune malattie della pelle caratterizzate da menomazione della barriera. I progressi nella chimica cosmetica hanno portato allo sviluppo di ceramidi sintetiche bio-identiche che sono comunemente incorporate nei prodotti per la cura della pelle (in particolare CER-1, CER-3 e CER-6), che hanno dimostrato di funzionare in modo simile alla ceramide naturale.

 

Scopri come sviluppare il tuo cosmetico.

Inizia ora.

 

Fonte:
Del Rosso JQ, Zeichner JA, Multivesicular Emulsion Ceramide-containing Moisturizers: An Evaluation of Their Role in the Management of Common Skin Disorders, J Clin Aesthet Dermatol, 2016, 9(12): 26–32